Comunicazione

d3.jpg Introduzione

 

Oggi  parleremo di comunicazione e lo faremo cercando di coinvolgere chiunque abbia a cuore il genere umano, la sua storia, la sua evoluzione e soprattutto il suo futuro.

 

Come formazione non escludo mai nessuno dal possibile confronto, anzi sono del parere che veramente tutti facciamo parte di un unico disegno e la cosa più bella, ve lo garantisco, è che quanto  ho appena detto non è , come a volte capita,  frutto della solita pazzia o di una lettura recente che mi ha inebriato, ma la consapevolezza  di una realtà non a tutti e sempre evidente.

 

La sicurezza con cui mi esprimo non vi deve preoccupare giacché in questi tempi , così difficili, molti useranno un linguaggio simile per le stesse mie ragioni.

 

Alcuni anni fa, forse dieci, se non più, avevo difficoltà ad accettare chi si esprimeva con tanta sicurezza e la cosa mi dava un po’ di fastidio e dicevo:

 

“Ma guarda questo qua, sicuramente ha alle spalle qualcuno che lo spinge per motivazioni subdole ad abbindolare il prossimo”

 

I sapientoni piacciono a poca gente, si sa, ma da quanto ho potuto comprendere fino adesso, la realtà di una simile disapprovazione nasce sempre da una paura recondita e da un complesso che ci portiamo appresso da millenni.

 

Oggi è arrivato un giorno importante, il giorno che anch’io ho compreso l’importanza della comunicazione e soprattutto l’importanza di una cooperazione fra le genti.

 

A qualcuno magari non gliene potrà fregare di meno di questo mio giorno importante, penserà che sono uno di quelli che vogliono presi e sbattuti al muro, come tanti altri, e a questi signori voglio dire che hanno anche ragione dal loro punto di vista perché vivere in questo mondo con gli occhi chiusi senza sapere chi siamo e dove stiamo andando può portare allo sconforto chiunque figuriamoci poi se gli hanno appena rubato dentro casa…

 

Questo disegno terreno, che si sviluppa in questo nostro pianeta è davvero assurdo e tale rimane fino a quando non se ne viene a capo. Ma non bisogna preoccuparsi perché le logiche o le regole del gioco cosmico, per fortuna, non sono le stesse delle leggi umane. E’ possibile infatti diventare consapevoli e coscienti della vita , cioè “risvegliarsi” , anche un attimo  dopo aver commesso qualcosa di disdicevole.

 

Tutti avremo quindi la nostra parte, ma bisognerà impegnarsi.

 

Non mi voglio però rivolgere, così improvvisamente, a chi oggi è sconvolto, promettendogli mari e monti per poi farmi insultare, anche quel tempo è finito, voglio rivolgermi invece a chi sa che è arrivato il momento di fare qualcosa perché si sappia anche  che questo non è più il tempo di uno che si immola, ma quello di tanti che si prendano la briga di aiutare in modo discreto chi ancora non vede ne conosce l’esistenza di una meta e per questo sta male!

 

Non si tratta nemmeno di un tempo di generosità di quelli in cui ci si impegni a mandare roba ed alimenti, lasciamo queste cose a chi di dovere, impegniamoci invece a diffondere la verità e a comunicare a ciascun individuo la sua unicità, la sua bellezza, la sua forza e le tante possibilità che ha a disposizione per poter stare innanzitutto bene con se stesso! Qualsiasi sia la sua situazione economica.

 

Frasi come questa: “Poveraccio ma come fa uno ridotto in questo stato a sopravvivere”, non devono più esistere perché oltre a non essere uno stimolo per chi soffre, non lo è nemmeno per chi sta aiutando. Di questo passo, l’ho già visto, si trovano un mare di giustificazioni e queste sono buone per distruggere tutti i buoni propositi e non fare alla fine un bel niente. Questo tempo richiede, per coloro che possiedono le qualità d’aiutare, le capacità, intanto, di far risorgere le persone restituendogli la dignità che le è stata tolta. Continua …

 

Comunicazioneultima modifica: 2008-12-07T20:31:31+01:00da sagittario135
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “Comunicazione

  1. ciao Giovanni, sono Bindi- Ricordi? complimenti per le tue ricerche, e per la tua passione; passione che ti ha portato a scrivere un libro.Deve essere bellissimo.
    Sono curiosa, vorrei leggerlo ti lascio l’indirizzo puoi’ spedirlo?
    Paghero’ per contrassegno.
    Via Etnea, n.299 95100 Catania.c/o studio fotografico, Antica arte fotografica Ibla S.r.l di Susanna Di Giorgio.

Lascia un commento